lunedì 8 settembre 2008

Parigi parte 2 - Il Cibo

E che blog goloso saremmo se non parlassimo di cibo? Allora precisiamo... a Parigi si può mangiare ovunque, qualsiasi cosa, a qualsiasi ora ed a qualsiasi prezzo; il come è, chiaramente, un altro paio di maniche. Ci sono brasserie, bistrot, ristoranti arabi, greci, tibetani, corsi italiani, fast food, boulangerie, bar... insomma, un universo mondo mangereccio! Nella nostra 4 giorni siamo stati piuttosto fortunati, non abbiamo sbagliato un colpo (diciamolo, siamo stati abbastanza attenti), riuscendo sempre a mangiare bene con un giusto rapporto qualità prezzo. Di seguito vi proponiamo delle minirecensioni dei locali che abbiamo visitato.

La Caravan du midì - Rue de la Fontaine au Roi 35 (metro Goncourt)
Il locale del nostro primo pranzo parigino... delizioso. Colorato, allegro, pieno di avventori parigini - niente turisti, con la lavagna dei piatti del giorno, vini a bicchiere... il posto che ci aspettavamo di trovare a Parigi! Abbiamo mangiato spiedini di pollo al coriandolo e salsa cacahuettes e torta provenzale con chevre e verdure (Piergiovanni), insieme vegetariano (melanzane, pomodori, peperoni, finocchi, porri) con ricotta alle erbe (Silvia)... tutto ottimo!
Un bel gastro-bistrot di cucina meridionale francese con un occhio ad influenze thai e magrebine.

Les Fernandises - Rue de la Fontaine au Roi 19 (metro Goncourt)
Altro locale delizioso... abbiamo mangiato tarte tatin di verdure e riduzione di balsamico (davvero ottima!) e pane abbrustolito con queso manchego ed olive e pomodori (Silvia), manzo marinato al sesamo con vinaigrette e 1/2 magret di anatra (Piergiovanni).
Bistrot restaurant di impronta classicheggiante, solida cucina di terra ed atmosfera fin de siecle.

Garance - Quai de Jemmapes 96 (metro Goncourt o Republique)
Troviamo questo bistrot girellando lungo Canal St. Martin, zona deliziosa, iper romantica, costellata di tanti localini carini in cui smangiucchiare qualcosa. Qui abbiamo assaggiato conchiglie St. Jacques all'olio di sesamo e gratin di patate (Piergiovanni), insalata mista con tzatziki e crema di peperoni (Silvia), il tutto accompagnato ad un ottimo rosato del Languedoc, Le Petit Pont Reserve 2007 - Domaine Bruno e Jerome Vic.
Atmosfera intima e curata, cucina leggera (per gli standard gallici) con grande uso di verdure.

Coquelicot - Place des Abbesses (metro Abbesses)
Siamo a Montmartre, quartiere di grande fascino... e tra i tanti invitanti posti che abbiamo visto, abbiamo scelto questa boulangerie per mangiare un boccone... deliziosa! Piena di papaveri, colorata, con un pane fantastico e, guardando il via vai di clienti, molto conosciuta in zona!
Abbiamo preso insalata di chevre con patate (Silvia - credo cominci ad essere chiaro quanto amo il formaggio di capra!), "fougasse du jour" (Piergiovanni); come dessert, una crepe sucre e del pain perdue alla composta di mele.
Ottima e gustosa alternativa al fast-food (anche nei prezzi), gran confusione in sala ma cameriere-panettiere che non perdono un colpo (ed un'ordinazione) .
PS: questo forno fornisce molti ristoranti della zona....

Cafè Blanc - Rue Croix de Petits Champs (dietro al Louvre)
Tra i tanti locali acchiappatutisti in zona Louvre, scegliamo questo bistrot molto art nouveau, tutto sui toni del bianco (come dice il nome) e mangiamo wok del giorno con verdure e pollo (Piergiovanni), chicken caesar salad e (pommes) frites (Silvia). Un'avvertenza... se andate, non prendete lì il caffè...era penoso!
A parziale ammenda del caffè, in compenso, hanno le più belle toilette avvistate in esercizio pubblico in questi 4 giorni.

La Marine - Quay de Valmy (zona Canal St. Martin)
Tonno rosso a la plancha con champignons (Piergiovanni), gamberi saltati sale e pepe con riso thai (Silvia), tortino caldo di cioccolata con gelato alla vaniglia e "vacherin du jour" (gelato di fragole e fragole fresche montate su strati di meringa).
Bistrot affollatissimo e caotico, servizio sbrigativo ma efficiente, cucina discreta sia di terra che di mare, dessert molto gustosi.

Hall 1900-Rue Rambuteau 64 (centre Pompidou)
Locale con specialità di cucina corsa e non solo. Molto frequentato da una eterogenea clientela di habituè,chiassoso e affollato ma piacevole. Croque monsieur (Piergiovanni) salade de chevre chaud (Silvia). Prezzi bassi e porzioni generose!

Commento generale: una bella esperienza gastronomica!

8 commenti:

Maya ha detto...

Silvia.. ti ho risposto da me.. Ve la siete proprio goduta!!! ora mi è venuta voglia di tornarci anche a me!!!!

Mirtilla ha detto...

che bella presentazione ed escursus sulla romantica parigi!!!
complimenti ;)

golosòtopi ha detto...

@Mirtilla: grazie per i complimenti!
Come avrete visto, Parigi ci è proprio rimasta nel cuore, è stata un'esperienza davvero intensa...

LaGolosastra ha detto...

Ma che bello girare per blog e viaggiare in giro per il mondo.
Brava, ottima cronista!

golosòtopi ha detto...

@golosastra: grazie! speriamo di poter fare cronache da altri luoghi molto a breve... ci piacerebbe molto andare in portogallo ed a me tornare in irlanda...

barbara ha detto...

Silvietta, bentornata. Si, Parigi è stupenda l'unica cosa è che non sono molto cortesi i francesi con noi, non so' perché c'è sempre stata questa diatriba tra noi e loro... eppure basterebbe tanto poco!
Guarda che appena riprendo il computer ho un po' di ricettine da postare, quindi tu aspettami!
Un bacione.
Bab

Maya ha detto...

Premio per te!!! passa da me quando vuoi

golosòtopi ha detto...

@Maya: grazie! il nostro primo premio! Grazie Grazie!